venerdì 22 aprile 2016

Forme di intelligenza irrazionali

Parleremo oggi di intelligenza, di essa e di similari. Se ne parlerò in prima persona non sarà per eccesso di megalomania ma perché mi piace scrivere di quello che vivo o conosco e non di quello che mi passa lontano.

Lo spunto nasce da un recente colloquio che ricalca altri avuti in precedenza; colloqui vissuti in prima persona con persone che conosco o tramite mezzi informatici con persone che nella realtà non conosco.

Il mondo delle mie conoscenze, reali e virtuali, si divide abbastanza equamente tra estimatori e detrattori. I secondi spesso mi irridono, denigrano e ridicolizzano; i primi spesso si dichiarano attratti mentalmente e/o comunque dichiarano di apprezzare la mia, presunta, intelligenza.

A tutti rispondo di non essere assolutamente intelligente, semmai tutt’altro…proverò a spiegarne le ragioni in queste righe di outing.

Tecnicamente ritengo che l'intelligenza si identifichi nella capacità di affrontare e risolvere con successo e senza fatiche enormi situazioni e problemi nuovi o sconosciuti utilizzando risorse disponibili e anche non disponibili.

Questa è una capacità che assolutamente non mi appartiene, anzi direi che sono agli antipodi da questo.

Una forma di razzismo mentale mi fa pensare alle persone intelligenti quali fredde, razionali, prive di emozioni sebbene avanti anni luce nei miei confronti.

Quanto io dica, faccia, scriva, suggerisca e pensi è invece quasi sempre dettato dall’istinto e dal cuore, con risultati alterni.

I miei estimatori si basano nelle valutazioni soprattutto sulle parole che trovano stampate in questo blog. Nego assolutamente ogni forma di intelligenza razionale in quanto esprimo. Io semplicemente cerco di osservare, assorbire, amalgamare quanto vedo, vivo e leggo in assoluta libertà per poi esprimere le mie valutazioni, quelle che i detrattori chiamano giudizi.

Fossi stata una persona intelligente oggi probabilmente vivrei meno pensieri, ma anche meno emozioni. Non so se sarebbe stato meglio essere intelligente, sempre si possa dipingere l’intelligenza con i colori che ho espresso, ma a quel punto avrei perso in libertà di pensiero e in emozioni ed allora mi convinco che forse io stia meglio così, cuore e istinto.

Come spesso succede chiedo il vostro parere, non su di me ovviamente, ma sul concetto di intelligenza.


Giorgio Bargna

3 commenti:

piaipier ha detto...


https://www.youtube.com/watch?v=LKdt-JvjDx0

Anna Gengaro ha detto...

Caro Giorgio, commento rimandandoti ad uno scritto pubblicato qualche anno fa: http://soloanna.blogspot.it/2014/06/il-dono-della-stupidita.html
Ti renderai conto che abbiamo pensieri comuni..
Buona settimana, Anna

Giorgio Bargna ha detto...

grazie ad entrambi per i contributi